Info

Certificazione bioInfo sulla certificazione

Un sistema di certificazione regolamentato

La certificazione degli alimenti, gli organismi di controllo e i disciplinari privati per l'Italia

Il settore agroalimentare biologico è regolamentato a livello europeo dal 1991. Prima con il Regolamento Cee 2092/91, che ha dato certezza normativa al settore dell’agricoltura biologica in Europa, seguendo negli anni l'evoluzione del comparto con oltre settanta modifiche ed integrazioni.
Poi con il Regolamento Ce 834/07, entrato in vigore dal 1° gennaio 2009, che stabilisce regole precise per la produzione, il controllo e l’etichettatura dei prodotti biologici. Un corpo normativo in perenne aggiornamento. È infatti già stato approvato il nuovo regolamento che entrerà in vigore nel 2021. Senza contare la legislazione; nazionale, compreso il decreto controlli del 2018.

In Italia sono attivi 18 organismi di controllo nel biologico.
Nella Provincia Autonoma di Bolzano operano inoltre Qc&i con sede in Germania e Biko, con sede in Austria.

Il loro riconoscimento avviene da parte del Ministero delle Politiche agricole, sulla base della rispondenza ai criteri di indipendenza, imparzialità, efficacia, competenza e affidabilità. L’accreditamento alla norma tecnica ISO 17065 è invece affidato ad Accredia che ne verifica l’operato, monitorando nel tempo le loro prestazioni.

Disciplinari privati

Esistono inoltre alcuni disciplinari privati, gestiti da associazioni nazionali, rilasciati alle aziende che osservano criteri più restrittivi rispetto alla normativa. Tra questi Demeter, marchio che identifica i prodotti da agricoltura biodinamica.