Blog

Il negozio monomarca Biostorie La Saponaria di Pesaro. (Foto: LaSaponaria)

Cosmesi & Co - Evergreen

Gestire al meglio la tua bioprofumeria? Ecco come...

L'identikit delle bioprofumerie in Italia, l'elenco delle bioprofumerie, 10 consigli pratici per la tua attività

di Rosa Maria Bertino e Luigi Panaroni* – 8 gennaio 2021

Bastano tanta passione e un modesto investimento iniziale per aprire la tua bioprofumeria? Questa opportunità di lavoro è veramente così a portata di mano come sembra? La realtà conferma che la passione può essere un’ottima partenza, ma non basta per resistere sul mercato, se non è accompagnata da un’adeguata preparazione professionale e da competenze gestionali a 360 gradi. Quella che a prima vista sembra una bella opportunità da cogliere al volo è invece una vera e propria impresa da affrontare con la miglior preparazione. In questo articolo non riceverai tutte le risposte su come aprire una bioprofumeria. È solo una pista per stimolare la tua ricerca personale di approfondimento che ti servirà per esprimere tutte le tue potenzialità e soprattutto per gestire al meglio la tua nuova attività.

Potrai conoscere meglio la realtà delle bioprofumerie in Italia, l’evoluzione di questa tipologia di negozi specializzati e soprattutto trovare utilissime indicazioni su come gestire al meglio la tua bioprofumeria. Leggere dati e statistiche può sembrare noioso, ma può rivelarsi invece molto utile per conoscere il panorama del settore in cui vuoi operare. Ancor più importante far visita in veste di semplice cliente a numerose bioprofumerie, sia fisiche, sia virtuali. E qui ti saranno utili gli elenchi sempre aggiornati delle bioprofumerie e degli e-commerce di cosmesi bio consultabili su biobank.it. Riconoscerai molte cose importanti da fare o da evitare nella tua attività. Per chi ha occhi attenti la realtà è sempre una buona maestra. 

Indice

  • Identikit delle bioprofumerie in Italia
  • Elenco delle bioprofumerie
  • Elenco degli e-commerce di cosmesi bio
  • 10 consigli per gestire al meglio la tua bioprofumeria

Identikit delle bioprofumerie in Italia

I primissimi negozi specializzati nella cosmesi naturale e biologica sono comparsi a partire dalla metà degli anni 2000 fino al decollo del 2013, anno del primo censimento Bio Bank. Allora, e sembra preistoria, circolava in internet una lista di bioprofumerie, un lungo elenco dove le profumerie bio erano mescolate a negozi bio, erboristerie, centri estetici e altro ancora. Il motivo è semplice. La cosmesi bio ha sempre fatto parte dell’assortimento dei negozi di alimenti biologici e delle erboristerie. Poi ha trovato la propria vetrina ideale online, con i siti di e-commerce dedicati dove si può spaziare con una gamma di prodotti ampia e profonda. E infine sono arrivate le bioprofumerie… 

Proprio per fotografare l’esistente è partito il primo rilevamento Bio Bank. Sono state censite le profumerie e le poche saponerie specializzate che offrono un’ampia gamma di prodotti di cosmesi naturale o biologica e/o detergenza ecologica, certificati da organismi di controllo accreditati. Verificando una a una le informazioni raccolte da varie fonti, si è arrivati ad appena 49 bioprofumerie attive nel 2013. Nell’ultimo censimento, quello effettuato nel 2019, sono arrivate a quota 328. In pratica le bioprofumerie si sono quasi moltiplicate per sette in sette anni. Nei primi anni la crescita era a ritmi molto elevati, ora il ritmo è più moderato.

Un’attività comunque in espansione, decisamente rosa. Sono soprattutto giovani donne quelle che decidono di trasformare la loro passione per la cosmesi biologica e naturale, coltivata per anni, in una vera e propria opportunità di lavoro. I negozi sono spesso piccoli, in alcuni casi gusci di noce. Un settore in cui cresce la sinergia tra reale e virtuale. Una bioprofumeria su quattro, ovvero il 25%, ha infatti integrato la propria vetrina su strada con quella sul web. Qualcuno ha fatto anche il percorso contrario, aprendo prima l’e-commerce e poi il negozio fisico.

Interessante anche la distribuzione territoriale delle bioprofumerie, perché rompono lo schema classico che assegna sempre al Nord la parte del leone. Il maggior numero di attività si trova infatti nel Sud Italia con una quota del 39%, seguito a ruota dal Nord con il 35% e infine dal Centro con il 26%. Le tre regioni leader 2019 per numero assoluto di attività vedono infatti al primo posto il Lazio, seguito da Campania ed Emilia-Romagna. Le tre regioni leader 2019 per densità (attività per ogni milione di abitanti) sono invece Umbria, Abruzzo e Molise. A conferma che la bellezza bio corre lungo tutto lo Stivale. Le aggregazioni stentano a decollare in questo canale specializzato, dominato dal 91% di negozi indipendenti. Elevato invece il turnover che riguarda il 36% delle attività, generando un saldo positivo dell’8% tra nuove aperture (+22%) e chiusure (-14%).

Elenco delle bioprofumerie

L’elenco delle bioprofumerie in Italia, aggiornato ogni anno con i censimenti Bio Bank, è pubblicato nella sezione Mappe del portale Bio Bank, consultabile qui. È molto più di una semplice lista di bioprofumerie, è un vero e proprio database consultabile online, che dedica un'intera pagina ad ogni profumeria bio. Si può infatti cercare il nome dell'attività oppure si possono cercare tutte le profumerie bio presenti in una città o in una provincia o in una regione. Il risultato è doppio:  a sinistra l'elenco delle bioprofumerie con nome, città, provincia e la foto del negozio se disponibile, a destra la mappa con la loro posizione. Cliccando sul nome della bioprofumeria si apre la pagina dell'attività con l'eventuale foto, i riferimenti di base, i link a sito ed email, la mappa con la posizione del negozio, i link ad altre attività dello stesso operatore, come ad esempio il relativo e-commerce di cosmesi bio. Sulle Mappe del portale Bio Bank si possono cercare anche Ristoranti bio, Agriturismi bio, Mercatini bio, Vendita diretta bio e negozi bio.

Elenco degli e-commerce di cosmesi bio

Per avere un panorama completo ecco quindi anche l’elenco degli oltre 350 e-commerce di cosmesi bio, pubblicato nella sezione Banche dati del portale Bio Bank, consultabile qui. Anche in questo caso non è una semplice lista di bioprofumerie online, ma un vero e proprio database interattivo, che comprende anche gli e-commerce dedicati alla detergenza ecologica. La pagina di apertura presenta a sinistra l'elenco dei siti di e-commerce in ordine alfabetico, con la relativa ragione sociale,  a destra le icone delle altre attività dello stesso operatore. Cliccando su ogni icona si aprono le pagine delle altre attività collegate. Cliccando invece sul sito si apre la pagina dell'e-commerce dove sono indicati i riferimenti di base, le principali categorie di prodotto, i link al sito e alle altre attività dello stesso operatore. Nella sezione Banche dati del portale Bio Bank si possono cercare anche Aziende cosmesi bio, Aziende alimenti bio ed E-commerce alimenti bio. 

10 consigli per gestire al meglio la tua bioprofumeria

Ed ecco come gestire al meglio la tua bioprofumeria. Una breve guida con 10 consigli pratici che possono risultare utili. I primi cinque sono dedicati al rapporto con i clienti, la vera ricchezza della tua attività. Altri quattro sono dedicati alla gestione della tua attività. L’ultimo è dedicato a te.

  • 1 - Offri consulenza
I clienti visitano un negozio fisico perché hanno bisogno di qualcosa in più che online non trovano. E questo qualcosa sei tu. Hanno bisogno della tua esperienza e dei tuoi consigli per fare la scelta migliore per ogni esigenza. Per questo motivo è essenziale che tu conosca perfettamente ciò che stai vendendo, le differenze tra un prodotto e l’altro, i punti di forza e di debolezza di ognuno. Sei tu l’unico promoter di ciò che vendi: più prodotti provi sulla tua pelle più sarai convincente e riuscirai nell’intento. Scegli brand che ti supportino con materiali di approfondimento e incontri formativi. Dedica tempo alla tua informazione e formazione. Il cliente ha bisogno di fidarsi di te e di ciò che dici: ogni vendita deve trasformarsi in una vera e propria consulenza ad hoc. Questo è sicuramente il tassello più importante.

  • 2 - Crea un’esperienza
La tua bioprofumeria non è soltanto un luogo in cui acquistare cosmetici biologici. Deve essere un luogo accogliente dove vivere un’esperienza e dove è piacevole tornare. Arredala con attenzione e creatività, scegli una fragranza adatta e perché no, un sottofondo musicale rilassante. Non tralasciare nessun dettaglio, cura la tua bioprofumeria come faresti con la tua casa: anche le luci e la temperatura giocano un ruolo importante. Fai in modo che nell’ambiente si respirino natura e benessere. Crea una vetrina attraente che inviti a entrare, cambiala per enfatizzare un nuovo prodotto, un’offerta o un’occasione speciale. Fai provare i cosmetici ai tuoi clienti attraverso prodotti tester e lascia dei campioncini che fanno proprio al caso loro. Presta attenzione a ciò che ti dicono, ai loro gusti e ai loro nomi in modo che alla visita successiva si sentano considerati e accolti.

  • 3 - Coinvolgi
I clienti sono il bene più prezioso per la tua attività. Non aspettare che vengano a cercarti, cercali tu. Crea occasioni di incontro organizzando piccoli eventi e dimostrazioni. Offri loro la tua professionalità e dedica loro il tuo tempo. Ad esempio proponendo incontri mirati per la valutazione della pelle o dei capelli, in modo da poter conoscere al meglio le loro esigenze e consigliare i prodotti più adeguati.

  • 4 - Fidelizza
 Un cliente che entra nel tuo negozio può essere per sempre. Dagli un buon motivo per tornare: crea empatia, proponi una carta fedeltà, offri uno sconto speciale per il giorno del suo compleanno o fai un piccolo omaggio. Ricorda che sei tu a fare la differenza, con il tuo modo di accogliere e di interagire rispetto al negozio concorrente a qualche chilometro dalla tua attività.

  • 5 - Sii gentile
Sii sempre gentile e ascolta i tuoi clienti. Le occasioni peggiori come un errore di scontrino, un prodotto non conforme o non apprezzato possono diventare le migliori opportunità. Perché saper gestire al meglio una situazione critica o potenzialmente conflittuale, mostrando disponibilità, cercando e trovando la soluzione giusta, aumenta senz’altro la fiducia che il cliente nutre nei tuoi confronti.

  • 6 - Seleziona la tua offerta
Offrire una moltitudine di marchi ti permette di accontentare più clienti o di scontentare molti? Più prodotti simili creano difficoltà nella scelta e riducono la voglia di acquistare, innescando frustrazione. Meglio quindi evitare sovrapposizioni e duplicazioni. Occorre invece ragionare bene sull’assortimento da proporre, selezionando e mirando la tua offerta. Una conoscenza accurata e puntuale è fondamentale per poter offrire un servizio di valore ai tuoi clienti. Un cliente che sceglie di pagare – generalmente di più – per un prodotto biologico è attento alla qualità, probabilmente più esigente degli altri. Vuole vedere in te la stessa visione e attenzione per il proprio benessere e l’ambiente.

  • 7 - Organizza l’esposizione
 Organizzare al meglio l’esposizione parte dalla vetrina, è questa la calamita di attrazione all’interno del punto vendita. Si prosegue con la suddivisione chiara delle aree del negozio tra punti espositivi e quelli per la consulenza. E infine è fondamentale la disposizione dei prodotti all’interno degli scaffali. Scegli un criterio chiaro di organizzazione, rendi i prezzi ben visibili in modo che il cliente si senta a proprio agio e scelga di rivolgersi a te per un consiglio. In occasione di festività e momenti speciali può essere una buona idea preparare delle combinazioni di prodotti, in modo da facilitare la scelta ai più indecisi e ai ritardatari dell’ultimo minuto.

  • 8 - Ottimizza la gestione
Una gestione ottimale del magazzino ti permetterà di controllare i prodotti in stock, di sapere quali sono i più venduti e quelli che sembrano non piacere, ma soprattutto di non rimanere mai senza scorta. Ricorda che un cliente che cerca un prodotto e non lo trova disponibile, potrebbe non tornare. Quando ciò accade, cerca di trovare una soluzione offrendo un prodotto alternativo o un riordino rapido.

  • 9 - Offri valore sui social
Ormai la maggior parte delle ricerche delle attività locali avviene sui social, come Facebook e Instagram. Utilizzarli pubblicando contenuti interessanti più volte a settimana ti permetterà di allargare il tuo bacino di clienti e di mantenere un legame con loro anche quando non sono fisicamente in negozio. 

  • 10 - Abbi coraggio! 
Un negozio ha bisogno di tempo e di cura per prendere il via. Trova il modo per promuovere la tua attività e farti conoscere tramite eventi, sponsorizzazioni e promozioni. Non perdere l’entusiasmo, coccola i tuoi clienti già affezionati e cerca nuove strade per trovarne altri. Come diceva il grande Goethe "Il coraggio ha in sé genio, potere e magia. Incomincialo adesso”. Non ad occhi chiusi però, ma con gli occhi ben aperti.


Luigi Panaroni è cofondatore e amministratore delegato de La Saponaria
L'azienda di cosmetica consapevole e biologica, nata a Pesaro nel 2007, da qualche anno ha iniziato ad aprire i propri negozi monomarca ad insegna Biostorie La Saponaria.